Il polipropilene è un materiale plastico molto apprezzato e utilizzato dall’industria e dal design. Fu Giulio Natta, nobel per la chimica, a inventarlo più di cinquant’anni fa. Con esso vengono prodotti gli oggetti più disparati  in quanto questo materiale presenta caratteristiche vantaggiose e utili.

Caratteristiche:

– atossico

– inodore

– leggerissimo

– può essere lavato

– può essere sterilizzato (per questo è utilizzato per i contenitori da alimenti)

–  resistente al calore (punto di fusione a 160°C)

– resistente all’umidità e non assorbe acqua (per questo è utilizzato come materiale da esterno, ad esempio per arredi da terrazzo e giardino)

– resistente alle macchie

– resistente ai solventi

– resistente agli acidi

– resistente all’usura

– economico.

Il polipropilene ha conosciuto un grande successo nell’industria della plastica: molti oggetti di uso comune, dagli zerbini agli scolapasta per fare alcuni esempi, sono fatti di polipropilene. Altri esempi di utilizzo del polipropilene sono: i cruscotti degli autoveicoli, i tappi e le etichette delle bottiglie di plastica, le reti antigrandine, le custodie dei CD, le capsule del caffè, i bicchierini bianchi di plastica per il caffè.